Programmi elettorali e parole giuste

Riportiamo la riflessione che la scrittrice Michela Murgia ha fatto a proposito dell’ennesimo efferato atto di violenza nei confronti di una donna e delle sue figlie. Noi condividiamo la riflessione e riteniamo che le parole giuste esistano per spiegare atti di questo tipo  che appartengono ad una cultura patriarcale e maschilista che deve essere estirpata a partire da un nuovo modello culturale e da una educazione sentimentale che parta dalle scuole, dai programmi elettorali e dai rapporti interfamiliari. Ecco le sue riflessioni, che sono anche le nostre riflessioni….

“Non ci sono parole per questa tragedia”, ha detto stamattina il giornalista radiofonico che commentava la notizia del tentativo di uccidere Antonietta Gargiulo e della morte delle sue due bambine per mano dell’uomo da cui si stava separando, il loro padre.
Non è vero che le parole non ci sono. E’ vero invece che ci rifiutiamo di usare quelle giuste e continuiamo a pronunciare quelle sbagliate.
La parola giusta è “femminicidio”, cioè la morte di una donna progettata da un uomo perché si rifiutava di agire secondo le sue aspettative. E’ una parola che dice due cose: che è morta una donna, sì, ma anche il perché.
La parola sbagliata è “tragedia”, perché richiama l’immaginario teatrale e inserisce quello che è successo in un quadro da sceneggiata sentimentale dove le persone coinvolte risultano alla fine tutte in balìa del destino. Ma non ha sparato il destino: ha sparato un uomo.
La parola sbagliata è “esasperato dalla separazione in atto”. E’ sbagliata perché regala un alibi emotivo all’assassino di tre persone e insinua che la vera colpevole fosse la donna che aveva deciso di interrompere la relazione.
La parola sbagliata è “follia”, è “raptus”. Nessun femminicidio avviene di punto in bianco: tutti sono la punta estrema di un crescendo di violenze che in questo caso, come in molti altri, erano state rese note anche alle forze dell’ordine. Ogni femminicidio è l’esito di un progetto di annichilimento. Considerare reato solo la fine di questo progetto significa non poterla mai impedire.
Spiace leggere sui giornali ancora parole come queste.
Indigna che una donna sia andata a chiedere aiuto alle forze dell’ordine e non sia stata presa sul serio perché ha dichiarato “solo” la sua paura.
Addolora sapere quante donne, leggendo che denunciare non serve a salvarsi, a denunciare forse adesso rinunceranno.
Servono soldi ai centri antiviolenza, i soli che prendono sul serio la paura delle donne ancora vive. Servono progetti di formazione scolastica contro gli stereotipi di genere che ancora costruiscono il maschile possessivo ed esigono il femminile remissivo. Serve educare i giovani all’addio inevitabile, alla sconfitta che fa parte dell’umano, alla perdita vissuta con responsabilità, in modo che l’unica via di risoluzione al dolore non sia più la distruzione di quello che ci fa soffrire.
Leggete i programmi elettorali. Ditemi queste cose dove le trovate.“”