Mail: info@assolei.it | Tel/Fax: +39 06. 5809363
La violenza sulle donne è un crimine senza colore

Chi siamo

Nascita, statuto, socie, obiettivi e attività

AssoLei – Sportello Donna nasce il 14 maggio del 1993 e dal 2007 è una ONLUS iscritta nel Registro delle Associazioni ammesse alla destinazione della quota del cinque per mille. Fondata da donne, si è caratterizzata per la lotta contro le discriminazioni, le molestie e gli abusi sessuali, il mobbing e lo stalking, le violenze in famiglia e nella società. AssoLei è impegnata per la realizzazione delle pari opportunità e il riequilibrio della rappresentanza occupandosi inoltre di immigrazione e diritti umani.
Ha una sede autonoma a Roma – in via Benedetta, 28 – dove sono attivi 8 sportelli: legale, psicologico-psicoterapico, counselling, coaching, orientamento al lavoro, start up, mediazione e immigrazione. Svolge attività di consulenza anche nello sportello dell’VIII Municipio di Roma in via Benedetto Croce, 50 e ovunque venga di volta in volta richiesto dalle istituzioni interessate.

Mettendo a disposizione volontarie esperte nel campo della tutela dei diritti e della mediazione interculturale, AssoLei ha garantito negli ultimi anni:

  • informazioni e assistenza in tema di permessi di soggiorno e ricongiungimenti familiari
  • contratti di lavoro
  • formazione  in un’ottica di genere presso aziende private ed enti pubblici rivolta alla dirigenza e al personale dipendente
  • equiparazione dei titoli di studio
  • ottenimento della cittadinanza italiana
  • iscrizione alle agenzie del lavoro
  • informazioni sulle tutele sanitarie
  • assistenza per la compilazione della modulistica sui flussi di lavoro comunitario ed extracomunitario

AssoLei è impegnata da sempre nella prevenzione della violenza anche attraverso attività culturali – cinema, teatro, scrittura, letteratura, musica, fotografia e artigianato – per offrire una lettura consapevole di stereotipi e discriminazioni che inducono comportamenti devianti, quali l’esercizio di violenza di genere tra persone adulte, e gli atti di bullismo nella fascia giovane, ponendo l’accento sulle cause e sulle ripercussioni che questi hanno sulla esistenza di ciascuna/o.

Assolei svolge inoltre da anni attività di formazione nelle scuole, e presso il personale delle istituzioni. In particolare la formazione, spesso fatta anche online a mezzo video, oltre che in sede viene portata nelle scuole di ogni ordine e grado, negli enti pubblici e nelle aziende e affronta, a scopo preventivo e di sensibilizzazione, i temi portanti dell’attività associativa.

Inoltre Assolei partecipa a bandi di concorsi emanati dalle istituzioni sui temi della lotta alla violenza e alle discriminazioni. E’ impegnata da anni nell’attività di ricerca, fa attività di informazione, divulgazione e organizzazione di eventi sui temi della violenza di genere.

Esecutivo in carica
  • Paola Frezza – Presidente e Rappresentante legale – Docente ed Esperta di diritto del lavoro – interventi e relazioni esterne ufficiali
  • Lucrezia Frittoli,  Tesoriera  – Esperta di progetti su bandi italiani ed europei
  • Caterina Giardinelli, Responsabile Cultura, Comunicazione e Informazione
  • Roberta Nasello, Psicologa e Psicoterapeuta – responsabile attività di assistenza psicologica e cura dei Registri di iscrizione dell’Associazione
  • Dalila Novelli, Presidente Onoraria – Relazioni con l’esterno, progettazione, partenariati,  deleghe  per i rapporti esterni
  • Ilaria Saturnini, Psicologa – redazione Progetti e individuazione Bandi e avvisi di gara
  • Francesca Scarfoglio –  Responsabile per il coordinamento degli sportelli legali –
  • Mariangela Zito, Avvocata – Responsabile della ricerca, valutazione e coordinamento di progetti e bandi
Socie fondatrici
  • Annamaria Cubeddu
  • Rossana Dettori 
  • Irene Giacobbe
  • Luigia Giovannini 
  • Dalila Novelli
  • Concetta Rosa 
  • Marina Pierlorenzi
  • Luciana Di Giovanni
Socie ordinarie
  • Antonella AgassiCounsellor, volontaria di sportello
  • Adelia Battista – Giornalista,  Scrittrice
  • Stefano De Filippis – Attore, doppiatore
  • Barbara Felcini – Counsellor, Esperta di questione di genere, volontaria sportello Responsabile del coordinamento degli sportelli per gli aspetti organizzativi e la supervisione delle operatrici
  • Paola Fratarcangeli – Progettista, Esperta di fund raising
  • Lucrezia Frittoli – Esperta Progettazione Europea e scambi internazionali
  • Maria Laura Gaetano – Sociologa
  • Caterina Giardinelli – Giornalista
  • Luigia Giovannini – Fotografa, Responsabile iniziative e allestimenti culturali
  • Maria Isa Lo Masto – Counsellor, volontaria sportello
  • Monia Marturano – Medico Ginecologa
  • Paola Micone – ex Dipendente Organi costituzionali, Docente di italiano per stranieri
  • Roberta Nasello – Psicologa, Psicoterapeuta, volontaria sportello
  • Dalila Novelli – Presidente Onoraria, Giornalista
  • Giulia Rodano – Esperta di politica e di cultura di genere
  • Luciana Romoli – Docente di storia, Biologa
  • Angela Ronga – Sindacalista esperta di politica e storia delle donne
  • Giuseppina Sacco – Avvocata, volontaria sportello
  • Francesca Scarfoglio – Presidente e Rappresentante legale,  Avvocata Responsabile dello Sportello Legale
  • Paola Sala – Collaboratrice esterna
  • Ilaria Saturnini, Psicologa, volontaria di sportello
  • Roberta Tiani, psicologa, sessuologa
  • Serena Ventrella, Attrice, Doppiatrice
  • Mariangela Zito – Avvocata, volontaria di sportello
Statuto

Art. 1
(Denominazione)

È costituita l’Associazione ASSOLEI – Sportello donna ONLUS, (d’ora in poi Associazione) che opera contro le discriminazioni e la violenza di genere, lo stalking, le molestie e il mobbing in ambito lavorativo.
L’Associazione è disciplinata dal presente Statuto, persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale nell’ambito della tutela dei diritti civili e contro le discriminazioni, è diretta ad arrecare benefici ai soggetti svantaggiati, si fonda sul volontariato e non ha fini di lucro.

Art. 2
(Sede)

L’Associazione ha sede in Roma, Via Benedetta, 28.
Assolei – Sportello Donna Onlus ha la facoltà di istituire sezioni distaccate in Italia e all’estero, previa apposita delibera dell’Esecutivo che nomina la/il referente responsabile e ne determina i compiti e le responsabilità.
Si intende come sezione distaccata una parte totalmente integrante e dipendente dell’associazione, cioè senza autonomia giuridica e patrimoniale, ma dotata di mera autonomia amministrativa.

Art. 3
(Scopi)

L’Associazione si propone, come fine generale, di promuovere:
la cultura della solidarietà, lo sviluppo e la tutela dei diritti della persona di qualsiasi genere e nazionalità, senza distinzione alcuna;
la rimozione delle cause di disparità che, per ragioni storiche e culturali, rappresentino discriminazioni da rimuovere negli aspetti degli svantaggi sociali, politici e culturali, con particolare riguardo alle discriminazioni e alla violenza, stalking, e mobbing, nei confronti delle donne che rappresentano a tutt’oggi il genere maggiormente penalizzato.

Art. 4
(Attività)

L’Associazione, per il raggiungimento dei suoi scopi, è impegnata ad organizzare attività, fondate sull’impiego anche di volontarie/i con specifiche competenze, atte a fornire i seguenti servizi:
ascolto telefonico per la segnalazione di casi di discriminazione;
corsi di formazione sulla normativa italiana ed europea relativa alla tutela dei diritti culturali e umani, nel mondo del lavoro e nella società;
informazione e coordinamento delle iniziative di organismi, associazioni similari, Istituzioni italiane ed europee sui temi delle pari opportunità, delle azioni positive e su quanto ritenuto utile per il raggiungimento delle finalità associative anche attraverso specifiche azioni divulgative (opuscoli, video, cineforum, Internet);
consulenza ed assistenza giuridica per le cause concernenti casi di abusi e discriminazioni sessuali, servendosi, ove richiesto di professionisti ;
collaborazione con enti pubblici e privati, Istituzioni, Associazioni di promozione sociale, di volontariato, Onlus e O.N.G. per il perseguimento dei fini e degli obbiettivi previsti dal presente Statuto.
Non è consentito svolgere attività diverse da quelle esplicitamente contemplate dalle norme di cui all’articolo 10 del Decreto Legislativo 4 dicembre 1997, n. 460 “Riordino della disciplina tributaria degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale.”

Art. 5
(Patrimonio)

Il patrimonio dell’associazione è costituito:
1) dai contributi delle persone associate;
2) da eventuali contributi di enti pubblici e privati, imprese e persone fisiche;
3) da ogni altro provento derivante dall’esercizio dell’attività sociale o da atti di liberalità delle persone associate o da terzi.
In nessun caso i proventi delle attività possono essere divisi tra le persone associate anche in forma indiretta.
L’eventuale avanzo di gestione dovrà essere reinvestito a favore di attività istituzionali statutariamente previste.
In caso di scioglimento, cessazione o estinzione, dopo la liquidazione il patrimonio residuo sarà obbligatoriamente devoluto ad altre organizzazioni non lucrative di utilità sociale o a fini di pubblica utilità, sentita l’Agenzia per le organizzazioni non lucrative di utilita’ sociale” quale organismo di controllo degli enti non commerciali e delle organizzazioni non lucrative di utilita’ sociale, istituita dal DPCM 26 settembre 2000.

Art. 6
(Esercizio finanziario)

L’esercizio sociale si chiude al 31 dicembre di ogni anno.
Entro tre mesi dalla chiusura dell’esercizio, il Comitato direttivo predispone il bilancio consuntivo con la relazione sull’attività svolta e il bilancio preventivo per l’anno successivo. I bilanci e la relazione devono essere sottoposti all’approvazione dell’Assemblea entro il 30 aprile di ogni anno.
Il bilancio consuntivo, con la relazione allegata, deve essere comunicato al Collegio dei revisori dei conti almeno 15 giorni prima di quello fissato per l’esame e l’approvazione da parte dell’Esecutivo.

Art. 7
(Persone associate)

Possono essere ammesse a far parte dell’Associazione le persone fisiche senza alcuna discriminazione che ne accettino gli scopi e che abbiano interesse alla sua attività o che comunque desiderano sostenerla adottando la tessera dell’Associazione.
Le persone associate si distinguono in quattro tipologie:
1. fondatrici;
2. ordinarie;
3. sostenitrici;
4. onorarie

Sono fondatrici coloro che hanno partecipato all’atto costitutivo dell’Associazione.
Sono ordinarie coloro che sono state ammesse, su apposita domanda, dall’Esecutivo e che hanno poteri di elettorato attivo e passivo.
Sono sostenitrici coloro che desiderano aiutare economicamente l’Associazione, senza tuttavia essere parte attiva nelle sue decisioni.
Sono onorarie coloro che aderiscono all’Associazione per meriti particolari o perché contribuiscono o hanno contribuito nel tempo allo sviluppo economico e sociale di ASSOLEI-Sportello donna Onlus e ne condividono progetti e attività.

Art. 8
(Diritti ed obblighi)
L’adesione all’Associazione, con eccezione per le persone sostenitrici, è a tempo indeterminato, fermo restando in ogni caso il diritto di recesso.
Non esistono adesioni all’Associazione a tempo determinato.
Le persone associate ricevono all’atto dell’ammissione la tessera d’iscrizione all’Associazione e possono usufruire dei servizi, delle attività, delle prestazioni e delle provvidenze attuate dall’Associazione.
Le persone iscritte sono tenute al pagamento dei contributi annuali, nella misura fissata di anno in anno dall’Esecutivo, ed a prestare, nei limiti delle proprie possibilità, la propria opera per lo sviluppo dell’attività sociale ed il conseguimento degli scopi sociali.
Chi si iscrive all’Associazione ha diritto di:
eleggere gli organi direttivi e di garanzia ed essere eletto negli stessi qualora abbia superato i diciotto anni di età. Le cariche sociali sono ricoperte in modo spontaneo e gratuito;
promuovere ed organizzare attività corrispondenti alle finalità ed ai principi dell’Associazione.
Non hanno diritto di voto le persone associate sostenitrici e onorarie.

Art. 9
(Recesso ed esclusione)
La persona associata perde la qualifica:
automaticamente per mancato pagamento nel corso dell’anno solare della quota associativa annuale;
per rifiuto motivato del rinnovo della tessera da parte dell’Esecutivo;
per espulsione qualora il comportamento o le attività delle persone associate siano in palese contrasto con i principi o le finalità del presente statuto o del codice etico.
La persona associata può recedere dall’Associazione mediante comunicazione scritta inviata all’Esecutivo

Art. 10
(Organi)
L’Associazione ha i seguenti organi:
a) Assemblea ;
b) Esecutivo;
c) Presidente;
d) Presidente onorario;
e) Collegio dei revisori dei conti.

Art. 11
(Assemblea)

L’Assemblea è il massimo organo deliberante di Assolei – Sportello Donna Onlus.
L’Assemblea ordinaria viene convocata dalla/dal Presidente di norma ogni anno.
L’Assemblea esercita le seguenti funzioni:
a) nomina l’Esecutivo:
b) nomina il Collegio dei revisori dei conti;
c) delibera sullo scioglimento dell’Associazione e sulla destinazione del patrimonio che residua dalla liquidazione;
d) approva i bilanci, la relazione ed i programmi di attività.
Le deliberazioni sono adottate con il voto favorevole della maggioranza delle persone presenti e con la presenza di almeno la metà delle persone associate aventi diritto; in seconda convocazione le deliberazioni sono valide con la presenza, comprese le eventuali deleghe, di almeno un terzo degli aventi diritto al voto.
Per deliberare lo scioglimento dell’Associazione e la devoluzione del patrimonio occorre il voto favorevole di almeno tre quarti delle/i socie/i aventi diritto.
L’Assemblea è convocata dalla/dal Presidente almeno una volta l’anno entro il 30 aprile con lettera o e-mail inviata almeno 8 giorni prima di quello fissato per la riunione. La lettera di convocazione deve indicare il giorno, l’ora ed il luogo della riunione e l’ordine del giorno.
L’Assemblea è presieduta dalla/dal Presidente o, in caso di sua assenza, dalla persona designata dagli intervenuti.
L’Assemblea straordinaria può essere convocata su richiesta motivata di almeno un decimo delle persone associate.

Art. 12
(l’Esecutivo)

L’Esecutivo, eletto dall’Assemblea, ha il compito di:
realizzare i deliberati dell’Assemblea
dirigere l’Associazione
organizzare convegni e conferenze

L’Esecutivo deve essere composto da un minimo di 5 ad un massimo di 9 componenti iscritte compresa la/il Presidente.
L’Esecutivo dura in carica tre anni ed è rieleggibile.
Se nel corso del triennio vengono a mancare una o più componenti, lo stesso Esecutivo provvede a proporre l’integrazione.
L’Esecutivo è presieduto e convocato dalla/dal Presidente.
L’Esecutivo delibera con il voto favorevole della maggioranza dei presenti.

L’Esecutivo:
a) nomina la/il Presidente;
b) amministra il patrimonio dell’Associazione;
c) predispone i bilanci preventivo e consuntivo e la relazione sull’attività svolta;
d) delibera la convocazione dell’Assemblea;
e) delibera sul programma di attività proposto dalla Assemblea;
f) delibera sugli altri oggetti attinenti all’attività dell’Associazione che non siano riservati dal presente statuto alla competenza dell’Assemblea o della Presidente;
g) delibera sull’ammissione di nuove persone associate;
h) stabilisce le quote associative.

Art. 13
(Presidente)

La/il Presidente dura in carica tre anni ed è rieleggibile.
Le sue funzioni sono:
a) di rappresentare legalmente l’Associazione nei confronti di terzi in giudizio;
b) di presiedere e convocare l’Assemblea su mandato dell’Esecutivo o su richiesta di un decimo delle persone associate;
c) di presiedere e convocare l’Esecutivo;
d) di nominare procuratori legali.
In caso di assenza o impedimento, le funzioni di Presidente sono esercitate da altra/o componente dell’ Esecutivo designata/o dalla/dal Presidente stessa/o.

Articolo 14
(Presidente Onorario/a)

L’Assemblea può nominare un/una Presidente Onorario per particolari meriti riconosciuti ed espletati a favore dell’Associazione.

Art. 15
(Collegio dei revisori dei conti)

Il Collegio dei revisori dei conti è formato da tre membri effettivi, di cui uno con funzioni di Presidente.
Il Collegio:
a) controlla l’amministrazione del patrimonio dell’Associazione;
b) accerta la corrispondenza del bilancio consuntivo alla situazione patrimoniale dell’Associazione;
c) informa l’Esecutivo, convocato per la predisposizione del bilancio, sui risultati del controllo e degli accertamenti effettuati.
La/Il Presidente del Collegio dei revisori dei conti può partecipare, su sua richiesta,alle riunioni dell’Esecutivo senza diritto di voto.

Art. 16
(Esercizio sociale)

L’inizio e la chiusura dell’anno sociale sono fissati dal primo gennaio al 31 dicembre di ogni anno.

Art. 17
(Scioglimento e liquidazione)

L’Assemblea delibera lo scioglimento dell’Associazione con il parere favorevole dei tre quarti degli aventi diritto, nomina uno o più liquidatori e delibera sulla destinazione del patrimonio che residua dalla liquidazione secondo le norme del codice civile.

Art. 18
(Controversie)

Le controversie tra iscritte/i e Associazione sono sottoposte al giudizio di tre arbitri, di cui uno nominato dall’Esecutivo, uno nominato dall’associato interessato e il terzo di concerto dai due arbitri di cui sopra.
Gli arbitri decidono a maggioranza, secondo equità, senza l’osservanza di particolari formalità, previo tentativo di conciliazione, con i poteri e le funzioni degli amichevoli compositori.
Per quanto non previsto dal presente statuto, valgono le norme vigenti in materia .

Art.19
(Modifiche allo statuto)

Ogni modificazione al presente statuto deve essere deliberata dall’Assemblea delle persone associate ed adottata a maggioranza dei due terzi degli aventi diritto al voto.

Codice etico

@  > Questo simbolo posto alla fine di una parola rappresenta il genere maschile e femminile dei termini superando il maschile neutro che è stato ampiamente contestato dal femminismo  e che rappresenta a nostro avviso un retaggio del linguaggio sessista.

1. Principi generali
Assolei onlus, é un’Associazione fondata da donne militanti e/o culturalmente vicine al femminismo e opera contro le discriminazioni di genere. Si occupa delle molestie sessuali, di abusi, violenze e mobbing nei luoghi di lavoro. Da sempre offre ascolto, consulenza e sostegno giuridico sul tema delle pari opportunità, della violenza di genere, dello stalking in particolare nei confronti delle donne in quanto soggetto maggiormente svantaggiato e colpito fisicamente e psicologicamente in ambito familiare e lavorativo.
Assolei si è costituita il 14 maggio 1993 in Italia nella sede di Via Benedetta, 28, dove svolge la sua attività principale e di carattere amministrativo.
Svolge attività di consulenza e assistenza psicologica e legale su richiesta delle donne interessate e organizzando per loro iniziative, ricerche, indagini sociali, attività di formazione e incontri. Tali attività si realizzano sia nella sede di Via Benedetta,28 che presso altre strutture di volta in volta individuate.
Si ritiene che operare in un settore così socialmente delicato, impone scelte etiche di alto profilo che contribuiscono a diffondere all’esterno l’immagine di una società affidabile, che opera con correttezza e trasparenza.
Per tale ragione, ad integrazione di quanto previsto nello Statuto Sociale e nell’Atto costitutivo, Assolei onlus si è ritenuto utile adottare il presente Codice di comportamento etico (di seguito “Codice”).

2. Obiettivi del Codice
Con l’adozione del Codice, Assolei onlus ha inteso definire regole, procedure e valori a cui richiamarsi nell’ottica della protezione dei diritti di ciascun@ utente.
Destinatar@ del Codice sono socie e collaborat@ senza alcuna eccezione, e tutt@ coloro che, direttamente o indirettamente, stabilmente o temporaneamente, instaurano rapporti o relazioni con Assolei onlus e operano per perseguirne gli obiettivi.
Ciascuna socia ha il compito di attuare il proprio operato in modo che esso sia coerente con il Codice Etico; allo stesso modo il presente Codice informa le/gli utenti su quale comportamento possono aspettarsi di trovare nel contesto dell’Associazione.
Le socie, gli/le amministrator@, collaborat@, lavoratori@ a qualunque livello della associazione, sono tenuti, pertanto, ad astenersi dal porre in essere, contribuire o dare causa alla realizzazione di comportamenti che, risultino in contrasto con il presente Codice.
Si definiscono “non etici” quei comportamenti che costituiscono violazione ai seguenti principi fondanti dell’Associazione:
1. Rispetto del valore del femminismo storico e moderno inteso in tutte le sue articolazioni;
2. Autodeterminazione delle donne e rispetto delle scelte individuali che attengono alla propria vita sessuale, politica o religiosa in un’ottica di laicità, ma non di laicismo;
3. Rispetto delle opinioni e delle regole della civile convivenza;
4. Rispetto dei corretti rapporti sociali e commerciali, così come previsti e disciplinati da leggi e regolamenti vigenti in Italia.
5. Contrasto della violenza maschile sulle donne da non ritenersi questione privata ma politica e da considerarsi anche come fenomeno di pericolosità sociale per donne e uomini, bambine e bambini.
6. Modalità di relazione con gli/le estern@ all’Associazione e con coloro che si rivolgono agli sportelli gestiti dalle volontarie di Assolei, intesa come rapporto di fiducia, di apertura e di confronto empatico.
Assolei onlus si impegna alla diffusione, verifica e monitoraggio del presente Codice sia fra le aderenti che nei confronti di coloro che entrano in rapporto con l’Associazione sotto qualunque aspetto: economico, progettuale, o di partenariato.
La violazione del presente Codice, previa verifica degli organi direttivi dell’Associazione, comporta sanzioni e misure che possono arrivare all’interruzione dell’adesione o del rapporto instaurato.

2.1 Onestà, imparzialità e rispetto delle norme
L’onestà rappresenta il principio etico di riferimento per tutte le attività poste in essere da Assolei onlus per il compimento dei propri obiettivi.
Nell’ambito della loro attività professionali, soc@ e non soc@, a qualunque livello e senza alcuna eccezione, volontar@, collaborat@ e tutti i soggetti che operano in nome e per conto di Assolei onlus sono tenuti a rispettare le leggi vigenti nazionali e comunitarie, lo Statuto sociale, il regolamento interno e, ove applicabili, le norme di deontologia professionale.
Eventuali azioni di contrasto alla normativa vigente è possibile ma deve essere concertata nelle modalità e nei contenuti fra le associate ed deve avere valore politico.

2.2 Prevenzione della corruzione
Assolei onlus, nella conduzione delle sue attività, vieta qualunque azione che possa ledere l’imparzialità e l’autonomia di giudizio nei confronti o da parte di terzi.
A tal riguardo, Assolei onlus non consente di corrispondere o accettare somme di denaro, doni o favori a/da parte di terzi, allo scopo di procurarsi vantaggi diretti o indiretti.
È consentito accettare o offrire esclusivamente doni che rientrino nei consueti usi di ospitalità, cortesia e per particolari ricorrenze.

2.3 Salute, autodeterminazione e valore delle risorse umane
Il rispetto dell’integrità fisica, psicologica e culturale delle donne, delle bambine e delle persone più deboli rappresenta il valore etico fondante di riferimento di Assolei onlus.
I/le soci@ lavorat@ e volontari@ e i collaborat@ sono una risorsa indispensabile per il successo della associazione e, pertanto, Assolei onlus tutela e promuove il valore delle risorse umane, allo scopo di migliorare e accrescere l’esperienza e il patrimonio delle competenze possedute da ciascun@ collaboratore@ e garantisce condizioni di lavoro rispettose della dignità individuale.
Nel rispetto del principio di “autodeterminazione” su richiamato, le donne che si rivolgono ad Assolei non verranno indotte a compiere scelte contrarie alla propria volontà, ma incoraggiate nell’autostima e nel percorso di autonomia.
Assolei onlus sostiene e rispetta i diritti umani, in conformità con la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani dell’ONU.

2.4 Conflitti d’interesse
Assolei onlus s’impegna a mettere in atto misure idonee ad evitare che i soggetti coinvolti nelle attività siano in conflitto di interesse.
S’intende sussistente una situazione di conflitto d’interesse nel caso in cui un@ lavorat@ o un@ collaborat@ con il proprio comportamento persegua interessi diversi da quello della associazione o si avvantaggi personalmente di opportunità d’affari della stessa, o agisca in contrasto con i doveri fiduciari legati alla sua posizione.

3. Norme generali di comportamento
I seguenti paragrafi esplicitano le principali regole comportamentali cui attenersi coloro che a qualunque titolo agiscono in nome e per conto di Assolei onlus.

3.1 Nei rapporti con gli/le utenti
Al fine di assicurare rapporti improntati alla fiducia, alla lealtà, alla correttezza e al rispetto della dignità umana, è necessario che:

  • gli/le utenti non siano discriminati in base all’età, al sesso, alla sessualità, allo stato di salute, alla razza, alla nazionalità, alle opinioni politiche o alle credenze religiose;
  • venga tutelata la privacy degli/delle utenti e assicurato il rispetto per le decisioni che, nell’ambito dei servizi resi, essi/e assumono;
  • per ogni utente vengano redatte apposite schede, di cui saranno informate/i le/gli interessate/i, che contengono informazioni necessarie riservate e personali e che verranno conservate sotto chiave in contenitori posti in sede nel rispetto della privacy;
  • nessuna delle operatrici degli sportelli gestiti da Assolei userà atteggiamenti sospettosi, denigratori, o sarcastici nei confronti degli/delle utenti;
  • gli/le utenti saranno adeguatamente informat@ su quanto posto in essere nell’espletamento delle attività svolte in loro favore;
  • agli/alle utenti non saranno promessi, in alcun modo, risultati che non attengono alla responsabilità della associazione;
  • agli/alle utenti non saranno consigliate e/o proposte azioni o comportamenti contrari ai principi su richiamati;
  • donazioni, contributi, compensi, rimborsi spese e qualunque altra forma di rapporto economico con gli/le utenti sia instaurato nella massima trasparenza e nel rispetto dello Statuto sociale e della legislazione vigente.

3.2 Nei rapporti con la Pubblica Amministrazione
L’assunzione d’impegni con Pubbliche Amministrazioni e Istituzioni Pubbliche è di competenza degli organi sociali preposti.
Assolei onlus attraverso propri lavorat@ o rappresentanti non deve promettere, richiedere, offrire o ricevere a/da pubblici ufficiali, incaricati di pubblico servizio o dipendenti in genere della Pubblica Amministrazione o di altre Pubbliche Istituzioni, vantaggi sotto qualsiasi forma.
Non è pertanto ammessa, nei rapporti con pubblici ufficiali e/o incaricati di pubblico servizio, alcuna forma di regalo o beneficio gratuito, promesso, richiesto, offerto o ricevuto, che possa essere interpretata come eccedente le normali pratiche commerciali o di cortesia, o comunque rivolta ad acquisire trattamenti di favore nella conduzione di qualsiasi operazione riconducibile all’attività sociale.
E’ peraltro ammesso che, in occasione di particolari ricorrenze (es. festività natalizie), Assolei onlus possa omaggiare, secondo consuetudine, alcuni interlocutori, ivi compresi rappresentanti della Pubblica Amministrazione, con beni di modico valore.
Al fine di una corretta informativa con la Pubblica Amministrazione, Assolei onlus si impegna a rappresentare i propri interessi e le proprie posizioni in maniera trasparente, rigorosa e coerente.

3.3 Nei rapporti interni
L’attività degli Organi Sociali è improntata al pieno rispetto delle regole sancite dallo Statuto sociale, e dalla legislazione vigente.
I soggetti eletti o nominati a funzioni amministrative sono tenuti:
– a impegnarsi attivamente affinché l’Associazione possa trarre beneficio dalle loro specifiche competenze;
– a denunciare tempestivamente qualsiasi situazione di conflitto d’interesse che li veda coinvolti;
– alla riservatezza delle informazioni acquisite nello svolgimento del proprio mandato.

3.4 Riservatezza delle informazioni
Assolei onlus assicura la riservatezza delle informazioni in proprio possesso, definendo e aggiornando continuamente le specifiche procedure per la protezione delle informazioni, richieste dalle norme vigenti in materia di trattamento dei dati personali.
Tutti coloro che, nell’esercizio delle proprie funzioni lavorative, si trovano ad avere la disponibilità di informazioni e dati riservati sono tenuti a usare tali dati solo ai fini consentiti dalle leggi.

3.5 Pubblicità del Codice
Assolei onlus s’impegna a far conoscere il Codice agli/alle utenti e agli enti pubblici e privati con cui intrattiene rapporti.
Inoltre, il Codice sarà pubblicato nel sito della associazione e dovrà sempre essere reso disponibile a chiunque ne faccia esplicita richiesta.

Letto sottoscritto ed approvato, 29 ottobre 2012

Attività
  • formazione diretta ed online
  • formazione per le operatrici di parità
  • formazione-informazione nelle scuole superiori e medie del comune di Roma, sul tema delle pari opportunità, della storia e del lavoro delle donne
  • partecipazione a progetti europei con partner internazionali, e/o nazionali a tutti i livelli territoriali;
  • attività di consulenza e assistenza con gli sportelli legale, psicologico-psicoterapico, counseling, immigrazione, letteratura e cultura di genere
  • assistenza legale nel caso di interventi che vadano oltre la consulenza e comportino attività istruttoria e processuale giuridico/legale, se necessario attraverso l’istituto del gratuito patrocinio
Collaborazioni
  • Casa internazionale delle donne di Roma;
  • associazione CODI – Operatrici del diritto e dell’informazione ;
  • associazioni femministe;
  • coordinamenti donne di Organizzazioni Sindacali;
  • Comitati Pari Opportunità sia nazionali che internazionali;
  • Centro Poesia Roma (www.centropoesia.com);
  • CRS Centro Ricerca Spettacolo (www.centroricercaspettacolo.com);
  • Lepisma Edizioni (www.lepismaedizioni.com);
  • Municipi di Roma capitale;
  • Università, scuole e Pubblica Amministrazione;
Back to Top

ASSOLEI ONLUS

via Benedetta, 28 (Roma) Phone: +39 06.5809363 Fax: +39 06.5809363 Web: www.assolei.it

SOSTIENI I DIRITTI

Aiutaci a lottare per i diritti di tutte e di tutti sostenendo il nostro lavoro e le nostre consulenze gratuite per chi ne ha più bisogno.